Spring MVC usando Maven ed Eclipse (V): la dipendenza OJDBC

A differenza delle dipendenze Maven viste fino a questo momento, per quanto riguarda Oracle, non essendo stata rilasciata ufficialmente una dipendenza OJDBC, il discorso si complica un po’. Prima di inserire la dipendenza all’interno del nostro pom.xml, infatti, dovremo scaricare la libreria ojdbc6.jar, accertarci di avere Maven installato localmente, quindi aggiungere la libreria al repository Maven locale. Vediamo nel dettaglio i passaggi indicati, dando per scontato che il JDK sia installato e la variabile JAVA_HOME impostata correttamente.

INSTALLAZIONE DI MAVEN IN LOCALE
L’installazione di per sé consiste nell’unzip dell’archivio apache-maven-3.3.9-bin.zip (l’ultima versione disponibile al momento dell’articolo), scaricato dal sito ufficiale di Maven, all’interno di una cartella del File system, ad esempio al path C:\Program Files (x86)\apache-maven-3.3.9.
Quindi tra le variabili di sistema aggiungiamo le seguenti due variabili:

  1. Nome variabile: M2_HOME
    Valore variabile: C:\Program Files (x86)\apache-maven-3.3.9
  2. Nome variabile: MAVEN_HOME
    Valore variabile: C:\Program Files (x86)\apache-maven-3.3.9

e modifichiamo il valore della variabile PATH aggiungendo alla fine della stringa già presente, senza spazi e incluso il punto e virgola, ;%M2_HOME%\bin (servirà per lanciare i comandi Maven da qualsiasi cartella del file system e non solo da quella in cui è stata effettuata l’installazione).
Per verificare che la configurazione sia stata effettuata correttamente apriamo la shell di windows e digitiamo il comando mvn -version. Dovremmo visualizzare una schermata come la seguente:

shell_mvn_version

(altro…)

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (IV): creazione di un template tramite Apache Tiles

Una volta realizzata la nostra applicazioncina web grazie all’utilizzo di Spring MVC e di Maven vediamo come realizzare un semplice layout composto da un header, un footer, una colonna sinistra per il menù (le tre componenti statiche del sito) e un corpo centrale al cui interno i contenuti cambino dinamicamente.

apache_tiles

Per realizzare il layout ci avvarremo di Apache Tiles, uno dei framework più diffusi utilizzati per semplificare la creazione delle interfaccie grafiche all’interno delle applicazioni web. Per poter utilizzare Tiles come prima cosa dovremo importarne le dipendenze all’interno del pom.xml:

(altro…)

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (III): controller e view

Finita la fase delle varie configurazioni Maven e Spring entriamo nel vivo dello sviluppo. In questo capitolo vedremo come funziona l’interazione tra un controller java e la corrispettiva vista jsp.

All’interno dell’alberatura del nostro progetto apriamo Java Resources e facciamo click con il tasto destro su src/main/java quindi New -> Package. All’interno della finestra che ci si propone scriviamo il percorso del nostro package in corrispondenza della label Name (es. com.redluck.controller) e clicchiamo su Finish. A questo punto all’interno del pakage appena fatto creiamo il controller HelloWorldController.java:

(altro…)

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (II): configurazione di Spring

Per realizzare un’applicazione web utilizzando Spring dobbiamo innanzitutto importarne le dipendenze all’interno del file pom.xml. Per farlo inseriamo il seguente codice all’interno del tag dependencies:

Quindi nel nostro web.xml aggiungiamo le seguenti righe tra i tag principali <web-app>:

(altro…)

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (I): configurazione di Maven

In questo breve tutorial realizzeremo una semplicissima applicazione web stile “Hello World!”  tramite il framework Spring MVC e grazie all’ausilio di Apache Maven, che ci eviterà di dover importare fisicamente tutte le librerie richieste. L’IDE utilizzato è Eclipse Mars e il server Apache Tomcat 8.
La prima parte del tutorial sarà focalizzata sugli step da eseguire per configurare correttamente Maven in Eclipse.

Dal menù di Eclipse selezioniamo File -> New -> Maven Project quindi nella finesta New Maven Project che ci si presenta manteniamo la spunta su Use default Workspace location e clicchiamo su Next >. Si aprirà la schermata sottostante e noi, mantenendo la spunta su Show the last version of  Archetype only, dovremo selezionare la voce con Artifact Id impostato a maven-archetype-webapp, come illustrato, quindi clicchiamo su Next >.

maven_screenshot_1

(altro…)

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (V): la dipendenza OJDBC

A differenza delle dipendenze Maven viste fino a questo momento, per quanto riguarda Oracle, non essendo stata rilasciata ufficialmente una dipendenza OJDBC, il discorso si complica un po’. Prima di inserire la dipendenza all’interno del nostro pom.xml, infatti, dovremo scaricare la libreria ojdbc6.jar, accertarci di avere Maven installato localmente, quindi aggiungere la libreria al repository Maven locale. Vediamo nel dettaglio i passaggi indicati, dando per scontato che il JDK sia installato e la variabile JAVA_HOME impostata correttamente.

INSTALLAZIONE DI MAVEN IN LOCALE
L’installazione di per sé consiste nell’unzip dell’archivio apache-maven-3.3.9-bin.zip (l’ultima versione disponibile al momento dell’articolo), scaricato dal sito ufficiale di Maven, all’interno di una cartella del File system, ad esempio al path C:\Program Files (x86)\apache-maven-3.3.9.
Quindi tra le variabili di sistema aggiungiamo le seguenti due variabili:

  1. Nome variabile: M2_HOME
    Valore variabile: C:\Program Files (x86)\apache-maven-3.3.9
  2. Nome variabile: MAVEN_HOME
    Valore variabile: C:\Program Files (x86)\apache-maven-3.3.9

e modifichiamo il valore della variabile PATH aggiungendo alla fine della stringa già presente, senza spazi e incluso il punto e virgola, ;%M2_HOME%\bin (servirà per lanciare i comandi Maven da qualsiasi cartella del file system e non solo da quella in cui è stata effettuata l’installazione).
Per verificare che la configurazione sia stata effettuata correttamente apriamo la shell di windows e digitiamo il comando mvn -version. Dovremmo visualizzare una schermata come la seguente:

shell_mvn_version

Leggi il resto »

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (IV): creazione di un template tramite Apache Tiles

Una volta realizzata la nostra applicazioncina web grazie all’utilizzo di Spring MVC e di Maven vediamo come realizzare un semplice layout composto da un header, un footer, una colonna sinistra per il menù (le tre componenti statiche del sito) e un corpo centrale al cui interno i contenuti cambino dinamicamente.

apache_tiles

Per realizzare il layout ci avvarremo di Apache Tiles, uno dei framework più diffusi utilizzati per semplificare la creazione delle interfaccie grafiche all’interno delle applicazioni web. Per poter utilizzare Tiles come prima cosa dovremo importarne le dipendenze all’interno del pom.xml:

Leggi il resto »

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (III): controller e view

Finita la fase delle varie configurazioni Maven e Spring entriamo nel vivo dello sviluppo. In questo capitolo vedremo come funziona l’interazione tra un controller java e la corrispettiva vista jsp.

All’interno dell’alberatura del nostro progetto apriamo Java Resources e facciamo click con il tasto destro su src/main/java quindi New -> Package. All’interno della finestra che ci si propone scriviamo il percorso del nostro package in corrispondenza della label Name (es. com.redluck.controller) e clicchiamo su Finish. A questo punto all’interno del pakage appena fatto creiamo il controller HelloWorldController.java:

Leggi il resto »

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (II): configurazione di Spring

Per realizzare un’applicazione web utilizzando Spring dobbiamo innanzitutto importarne le dipendenze all’interno del file pom.xml. Per farlo inseriamo il seguente codice all’interno del tag dependencies:

Quindi nel nostro web.xml aggiungiamo le seguenti righe tra i tag principali <web-app>:

Leggi il resto »

Spring MVC usando Maven ed Eclipse (I): configurazione di Maven

In questo breve tutorial realizzeremo una semplicissima applicazione web stile “Hello World!”  tramite il framework Spring MVC e grazie all’ausilio di Apache Maven, che ci eviterà di dover importare fisicamente tutte le librerie richieste. L’IDE utilizzato è Eclipse Mars e il server Apache Tomcat 8.
La prima parte del tutorial sarà focalizzata sugli step da eseguire per configurare correttamente Maven in Eclipse.

Dal menù di Eclipse selezioniamo File -> New -> Maven Project quindi nella finesta New Maven Project che ci si presenta manteniamo la spunta su Use default Workspace location e clicchiamo su Next >. Si aprirà la schermata sottostante e noi, mantenendo la spunta su Show the last version of  Archetype only, dovremo selezionare la voce con Artifact Id impostato a maven-archetype-webapp, come illustrato, quindi clicchiamo su Next >.

maven_screenshot_1

Leggi il resto »

Condivisione di un progetto Android su SVN tramite Eclipse

android_svnVediamo come sia possibile condividere un progetto Android su SVN tramite Eclipse ed il plugin Subversive, di cui vi ho parlato nell’articolo Creazione di un repository SVN su SourceForge e integrazione in Eclipse. La versione di Eclipse che ho utilizzato è Kepler, ma i passi da seguire sono molto simili anche nelle versioni precedenti.

  • All’interno del nostro workspace di Eclipse clicchiamo con il tasto destro del mouse sul nome del progetto che intendiamo condividere e scegliamo le voci Team -> Share Project… -> SVN quindi nella finestra “Share Project with SVN repository” manteniamo la spunta su “Use existing repository location” (se già abbiamo un repository, altrimenti dovremo crearne uno nuovo) e clicchiamo su Next >. Leggi il resto »

Creazione di un repository SVN su SourceForge e integrazione in Eclipse

subversion_logoIn questo articolo vedremo come creare in pochi passaggi un repository Subversion grazie al servizio online SourceForge e come integrarlo all’interno di Eclipse. L’argomento è estremamente vasto ma qui ciò che ci interessa è semplicemente capire come mettere su un repository “domestico” che ci consenta di sincronizzare più postazioni di lavoro per gestire comodamente i nostri progetti da un numero indefinito di computer e poter effettuare le classiche operazioni di checkout, update, commit, revert e così via.
Vediamo sinteticamente i passaggi da effettuare per la creazione del repository e per l’import al suo interno di un primo progetto.

Leggi il resto »

Kohana: organizzazione dei controller nelle subdirectory

controller_namingA differenza di quanto avviene in CodeIgniter, all’interno del quale possiamo tranquillamente organizzare i nostri controller in sottocartelle di application/controllers senza doverci preoccupare di alcunché, per quanto riguarda Kohana (la versione sulla quale sto lavorando è la 3.3.1) il discorso è ben diverso e dobbiamo prestare attenzione ad una serie di regole per non imbatterci in errori di visualizzazione.
Vediamo uno alla volta quali sono i passi da compiere per creare, organizzare e mappare correttamente i controller in Kohana:

1 – creiamo la sottocartella di application/Controller all’interno della quale andremo poi a realizzare il nostro file Controllo.php; prendiamo come esempio, guardando la figura, controllerOnly; il nome, a differenza di quanto avviene in CodeIgniter, non deve assolutamente contenere il carattere underscore (_) e a breve vedremo perché;

2 – creiamo il file Controllo.php all’interno della sottocartella controllerOnly prestando attenzione alla dichiarazione, che deve contenere il percorso completo dello stesso, come segue:

Leggi il resto »

Uno sguardo a Kohana

kohanaKohana è un web framework open source e object oriented basato sul pattern MVC e realizzato in PHP5 che si propone di essere rapido, sicuro, ed estremamente leggero. Originariamente basato su CodeIgniter, Kohana è davvero semplice da utilizzare e può essere un’ottima base di partenza per chi fosse alla ricerca di uno strumento veloce da apprendere ma al tempo stesso completo.
Dopo aver scaricato ed estratto Kohana 3.3.1 nella cartella www andiamo alla url del progetto per controllare che funzioni tutto correttamente. In caso affermativo possiamo cancellare il file install.php. A questo punto è probabile, se cercassimo di raggiungere la pagina di benvenuto all’indirizzo http://localhost/nome_progetto/index.php/Welcome/index, che compaia sul browser un messaggio tipo:
Kohana_Exception [ 0 ]: A valid cookie salt is required. Please set Cookie::$salt in your bootstrap.php. For more information check the documentation.
Per ovviare a questa eccezione è necessario aprire il file application/bootstrap.php ed aggiungere la seguente riga di codice subito dopo l’array di Kohana::modules e prima di Route::set:

Leggi il resto »

CodeIgniter e il pattern MVC

codeigniter_logoIl pattern MVC (model-view-controller) permette di separare la logica dell’applicazione dalla visualizzazione dei dati rendendo il codice più snello e manutenibile. In questo tutorial vedremo come sia possibile estrarre i dati da una semplice table MySQL utilizzando il framework PHP CodeIgniter e rispettando tale pattern.
Per rendere più comprensibile la logica alla base del pattern MVC procederemo per gradi vedendo come sia possibile stampare sul browser i dati estratti da un db prima esclusivamente attraverso un controller, poi introducendo un model, infine rendendo la nostra applicazione del tutto conforme ai requisiti del pattern con l’aggiunta di una view.
Prima di procedere con il tutorial, requisito necessario è la configurazione del nostro database all’interno del file application/config/database.php, che dovrà apparire all’incirca così:

Leggi il resto »

Post precedenti «